L'utilizzo di alloggi a scopo turistico.

L'utilizzo di alloggi a scopo turistico è disciplinato dalla L.P. 15.5.2002 n. 7  e dal relativo regolamento di esecuzione approvato con D.P.P. 25.9.2003 n. 28-149/Leg.

Relativamente alle case ed appartamenti utilizzati a scopo turistico si deve distinguere:

 

- per le  case e appartamenti per vacanze (intese come  unità abitative arredate e dotate di angolo cottura o di servizio autonomo di cucina) gestite, in numero superiore a tre, da chi ne ha la disponibilità a qualsiasi titolo e le offre in locazione ai turisti, fornendo i servizi essenziali previsti dal regolamento di esecuzione e per le unità abitative per la locazione ai turisti gestite, in numero superiore a tre, da imprese - comprese le agenzie immobiliari - che ne hanno la disponibilità a qualsiasi titolo, anche se la fornitura dei servizi essenziali previsti dal regolamento di esecuzione è offerta solo su richiesta dell'ospite, deve essere prodotta apposita segnlazione certificata di inizio attività. Dal 1 gennaio 2015 la presentazione della SCIA deve obbligatoriamente avvenire tramite lo Sportello Unjico Attività produttive (SUAP) istituito presso il sito www.impresainungiorno.gov.it

- Chi concede in locazione ad uso turistico alloggi diversi dagli esercizi extralberghieri sopra menzionati deve darne comunicazione al comune competente per territori e comunicare i relativi aggiornamenti.  La comunicazione deve dare informazioni riguardo alla dimensione ricettiva dell'alloggio, al suo periodo di offerta, alle relative caratteristiche e dotazioni. La relativa modulistica è disponibile sul sito della Provincia Autonoma di Trento - servizio turismo. La mandata comunicazione comporta l'applicazione della sanzione da 200 a 600 Euro.

Per informazioni sull'utilizzo della modulistica è possibile rivolgersi al Servizio Segreteria ed Affari Generali del Comune (Nicoletta Stroppa - tel. 0461-758707).