L'utilizzo di alloggi a scopo turistico.

L'utilizzo di alloggi a scopo turistico è disciplinato dalla L.P. 15.5.2002 n. 7  e dal relativo regolamento di esecuzione approvato con D.P.P. 25.9.2003 n. 28-149/Leg.

Relativamente alle case ed appartamenti utilizzati a scopo turistico si deve distinguere:

 

- per le  case e appartamenti per vacanze (intese come  unità abitative arredate e dotate di angolo cottura o di servizio autonomo di cucina) gestite, in numero superiore a tre, da chi ne ha la disponibilità a qualsiasi titolo e le offre in locazione ai turisti, fornendo i servizi essenziali previsti dal regolamento di esecuzione; La disciplina delle case e appartamenti per vacanze si applica anche a coloro che hanno in disponibilità fino a tre unità abitative se gestite in forma imprenditoriale. Si applica inoltre al gestore che, per la locazione delle unità abitative indicate nel comma 1, si avvale di soggetti che svolgono attività di mediazione immobiliare nel rispetto della normativa statale vigente in materia. Per tali attività deve essere prodotta apposita segnlazione certificata di inizio attività. Dal 1 gennaio 2015 la presentazione della SCIA deve obbligatoriamente avvenire tramite lo Sportello Unjico Attività produttive (SUAP) istituito presso il sito www.impresainungiorno.gov.it

- Chi concede in locazione ad uso turistico alloggi diversi dagli esercizi extralberghieri sopra menzionati deve darne comunicazione al comune competente per territori e comunicare i relativi aggiornamenti.  La comunicazione deve dare informazioni riguardo alla dimensione ricettiva dell'alloggio, al suo periodo di offerta, alle relative caratteristiche e dotazioni. La relativa modulistica è disponibile sul sito della Provincia Autonoma di Trento - servizio turismo. La mandata comunicazione comporta l'applicazione della sanzione da 200 a 600 Euro.

Per informazioni sull'utilizzo della modulistica è possibile rivolgersi al Servizio Segreteria ed Affari Generali del Comune (Nicoletta Stroppa - tel. 0461-758707).