Ferme restando le disposizioni in base alle quali per presentare la richiesta di residenza è necessario:

- essere maggiorenni (aver già compiuto i 18 anni) e

- risiedere già abitualmente al nuovo indirizzo,

per quanto riguarda i trasferimenti di residenza da altro Comune o dall'estero,  i cambi di abitazione all'interno del Comune e le cancellazioni per emigrazione all'estero, dal 9 maggio sono entrate in vigore le nuove norme anagrafiche relative ai "cambi di abitazione in tempo reale".
Il decreto-legge 9 febbraio 2012, n.5, convertito in legge 4 aprile 2012, n.
35, introduce nuove disposizioni in materia anagrafica, riguardanti le modalità con le quali effettuare le dichiarazioni anagrafiche di cui all'art. 13, comma 1, lett. a), b) e c) del decreto del Presidente della Repubblica 30 maggio 1989, n. 223, ossia:

-per l'ISCRIZIONE ANAGRAFICA CON PROVENIENZA DA ALTRO COMUNE
-per l'ISCRIZIONE ANAGRAFICA CON PROVENIENZA DALL'ESTERO
-per il CAMBIO DI ABITAZIONE ALL'INTERNO DEL COMUNE
-per l'EMIGRAZIONE ALL'ESTERO

A decorrere dal 9 maggio 2012 i cittadini potranno presentare le dichiarazioni anagrafiche utilizzando i nuovi moduli appositamente predisposti dal Ministero dell'Interno,debitamente compilati e sottoscritti e corredati della documentazione indicata dal Ministero stesso. I moduli potranno essere presentati:

 

- personalmente presso lo sportello comunale:

Servizio Prestazioni alla Persona e alla Famiglia - Ufficio Demografico -
stanza n. 12 - II° piano del Municipio di Borgo Valsugana, negli orari di apertura al pubblico;

- per posta raccomandata, da inviare al:

COMUNE DI BORGO VALSUGANA. – Provincia di Trento
Servizio Prestazioni alla Persiona e alla Famiglia – Ufficio Demografico
Piazza Degasperi n. 20. – cap 38051 (TN)

- per telefax al numero 0461/753033

- per via telematica
Quest’ultima possibilità è consentita ad una delle seguenti condizioni:
a) che la dichiarazione sia sottoscritta con firma digitale;
b) che l'autore sia identificato dal sistema informatico con l'uso della Carta
   d'identità elettronica, della carta nazionale dei servizi, o comunque con
   strumenti che consentano l'individuazione del soggetto che effettua la
   dichiarazione;
c) che la dichiarazione sia trasmessa attraverso la casella di posta
elettronica certificata del dichiarante;
d) che la copia della dichiarazione recante la firma autografa e la copia del
documento d'identità del dichiarante siano acquisite mediante scanner e
trasmesse tramite posta elettronica semplice.

Gli indirizzi di posta elettronica ai quali inoltrare le dichiarazioni di residenza sono i seguenti:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (PEC)

Per qualsiasi informazione, illustrazione o modalità applicativa riguardanti la
nuova procedura “del cambio di residenza in tempo reale” è possibile
contattare, negli orari di apertura, i Servizi Demografici ai seguenti recapiti
telefonici:

0461-758718.
0461-758720.
0461-758721.

Contestualmente alla presentazione della dichiarazione di dimora abituale resa allo sportello, verrà rilasciata all'interessato, dall’Ufficiale d’Anagrafe,la comunicazione di avvio del procedimento prevista dalla Legge 241/90 informando l’utente degli accertamenti che verranno svolti a seguito della dichiarazione resa.
A seguito della dichiarazione resa l'Ufficiale Anagrafe procederà immediatamente, e comunque entro i 2 (DUE) giorni lavorativi successivi, alla presentazione delle dichiarazioni, ad effettuare le registrazioni delle dichiarazioni ricevute, fermo restando che gli effetti giuridici delle stesse decorreranno dalla data di presentazione.

Il Comune di nuova iscrizione , nelle more del ricevimento della comunicazione di cancellazione da parte del Comune di precedente iscrizione, rilascerà solamente la certificazione relativa:

-alla residenza;

-allo stato di famiglia

In caso di esito negativo dell'accertamento in ordine alla dimora abituale -fatto salvo il rispetto del termine di cui sopra -il comune invia all'interessato il preavviso di rigetto previsto dall'art. 10 bis Legge 241/90. L'interessato ha diritto di presentare, entro il termine di 10 giorni, osservazioni e documenti. La comunicazione interrompe i termini, che iniziano a decorrere di nuovo dalla data di presentazione delle osservazioni o trascorsi 10 giorni dalla comunicazione di cui sopra.

Si ricorda che:
LE RICHIESTE PRIVE DELLE INFORMAZIONI CLASSIFICATE COME INDISPENSABILI NEI SINGOLI MODELLI - di seguito allegati -
SONO IRRICEVIBILI
Qualora nella domanda non sia stato specificatamente indicato l'indirizzo per le risposte e qualora dalla medesima non si evincano elementi validi
(es.: PEC, email, telefono, indirizzo, fax personale) tali da non essere possibile
inviare il preavviso di rigetto, sin d’ora l’Amministrazione si ritiene sollevata da tale incombenza per evidente impossibilità.

MODULISTICA
Dichiarazione di residenza – Allegato 1
Dichiarazione di trasferimento di residenza con provenienza da altro comune –
dall’estero -cittadini italiani iscritti all’AIRE -cambiamento di abitazione
nell’ambito dello stesso comune – altri motivi

Dichiarazione di residenza – Allegato A
Documentazione necessaria per l’iscrizione anagrafica di cittadini di Stati non
appartenenti all’Unione Europea.

Dichiarazione di residenza – Allegato B
Documentazione necessaria per l’iscrizione anagrafica di cittadini di Stati
appartenenti all’Unione Europea.


ISCRIZIONI PER TRASFERIMENTO DALL’ESTERO DI CITTADINI ISCRITTI ALL’A.I.R.E.

Nei casi di iscrizione di cittadini italiani con provenienza dall’estero iscritti all’A.I.R.E. l’Ufficiale d’Anagrafe dovrà provvedere, con la massima tempestività, ad informare dell’iscrizione effettuata il Comune di provenienza o di iscrizione A.I.R.E., inoltrando a quest’ultimo i dati forniti dall’interessato su apposito modello ISTAT APR4 (allegato 3).

MODULISTICA
Dichiarazione di residenza – Allegato 1
Dichiarazione di trasferimento di residenza con provenienza da altro comune –
dall’estero -cittadini italiani iscritti all’AIRE -cambiamento di abitazione
nell’ambito dello stesso comune – altri motivi

DICHIARAZIONE DI TRASFERIMENTO DI RESIDENZA ALL’ESTERO

A seguito della presentazione o invio del presente modulo, il richiedente se:
-cittadino non italiano, sarà cancellato dall’anagrafe del comune di residenza per emigrazione all’estero;

-il cittadino italiano, che intende trasferire la residenza all’estero per un periodo
superiore a dodici mesi, può dichiarare il trasferimento di residenza all’estero
direttamente al Consolato, oppure, prima di espatriare, può rendere tale
dichiarazione al Comune italiano di residenza, utilizzando il presente modello. In tal caso, il cittadino ha l’obbligo di recarsi comunque entro 90 giorni dall’arrivo all’estero al Consolato di competenza per rendere la dichiarazione di espatrio.

Se la richiesta di iscrizione all’Aire viene presentata direttamente al Consolato, come consentito dalla normativa, questa comporterà l’automatica cancellazione dal registro della popolazione residente. La cancellazione dall’Apr e l’iscrizione Aire saranno effettuate dal Comune entro due giorni dal ricevimento del modello consolare (Cons01) e con decorrenza dalla data del ricevimento del modello stesso.

MODULISTICA
Dichiarazione di residenza – Allegato 2
Dichiarazione di trasferimento di residenza all’estero

ATTENZIONE
Il comune di nuova iscrizione dispone accertamenti per la verifica della dimora
abituale, i quali devono obbligatoriamente essere conclusi entro quarantacinque (45) giorni dalla data di presentazione della domanda, pena il silenzio-assenso.

In caso di dichiarazioni non corrispondenti al vero si applicano gli articoli 75 e 76  del D.P.R. n. 445/2000, i quali dispongono rispettivamente la decadenza dai benefici acquisiti per effetto della dichiarazione, nonché il rilievo penale della dichiarazione mendace. Il comma 4 ribadisce inoltre quanto già previsto dal1'art. 19, c. 3, del D.P.R. n. 223/1989, in merito alla segnalazione alle autorità di pubblica sicurezza delle discordanze tra le dichiarazioni rese dagli interessati e gli esiti degli accertamenti esperiti.
Inoltre, la norma prescrive, in caso di non rispondenza della dimora abituale,
il ripristino delle registrazioni anagrafiche antecedenti alla data della
dichiarazione resa.