Gestione associata Polizia Locale della Valsugana e Tesino

Responsabile: Comandante f.f. Arianna Tamburini

CORPO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALSUGANA E TESINO

(Provincia di Trento)

Gestione associata di Polizia Locale tra i Comuni di Bieno, Borgo Valsugana, Carzano, Castel-Ivano, Castello Tesino, Grigno, Novaledo, Ospedaletto, Pieve Tesino, Roncegno Terme, Samone, Scurelle, Telve, Terve di Sopra, Torcegno 

Piazza Degasperi, 19 - 38051 Borgo Valsugana (TN)

telefono  0461 757312    Fax 0461 756820

Indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PEC:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (accetta solamente messaggi PEC, non accetta messaggi di posta elettronica ordinaria)

Gli agenti del Corpo di Polizia Locale svolgono il proprio servizio dal lunedì alla domenica generalmente con il seguente orario ore 07.00 alle ore 13.00 e dalle ore 13.30 alle ore 19.30

accesso agli uffici: primo piano della sede municipale del Comune di Borgo Valsugana - Piazza Degasperi, 20 38051 Borgo Valsugana (TN)

In questo periodo si riceve soltanto previo appuntamento al nr. 0461 757312


CODICE DELLA STRADA

Per domande relative a verbali Codice della Strada telefonare dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle ore 12.00

Servizi di controllo della velocità pericolosa sul territorio di competenza del Corpo di Polizia Locale Valsugana e Tesino:
Il servizio di controllo della velocità é svolto per la tutela della sicurezza stradale e la prevenzione degli incidenti. Così come stabilito dal Decreto del Ministro dei Trasporti del 15 agosto 2007 e ribadito Direttiva del Ministero dell’Interno n° 300/A/10307 del 14 agosto 2009,  le postazioni di controllo per il rilevamento della velocità sono  sempre preventivamente segnalate con segnali ben visibili e collocati ad una distanza adeguata.

LIMITE DI VELOCITA’ NEI CENTRI ABITATI
Si ricorda che il limite di velocità all’interno dei centri abitati è di 50 Km/h, fatte salve eventuali diverse segnalazioni di limite inferiore. Infatti, il Comune può stabilire limiti inferiori quando lo ritiene necessario. Il centro abitato è identificabile dalla tabella a fondo bianco che indica il nome del Comune. Non è necessaria l’apposizione del segnale verticale di limite della velocità di 50 km/h perché trattasi di limite stabilito per legge la cui conoscenza è obbligatoria per tutti i titolari di patente di guida.

LIMITE DI VELOCITA’ FUORI DAI CENTRI ABITATI
Si rammenta che il limite di velocità fuori dal centro abitato è di 90 km/h anche sulle quattro corsie della S.S. 47. Il limite di velocità può essere inferiore qualora il proprietario della Strada lo ritenga necessario per garantire la sicurezza della circolazione stradale.

IMPIANTI FISSI CONTROLLO VELOCITA’ Installato sulla S.S. 47 al km 81+975 corsia di marcia direzione Trento sul territorio del Comune di Grigno.  In ottemperanza al Decreto M.I.T. 282 del 13/06/2017, lo strumento è installato su tratto di strada individuato da Decreto prefettizio adottato ai sensi dell’art. 4 D.L. 20.6.2001 n. 121, modificato L. 01.08.2002 n. 168: Decreto Prefettizio di individuazione della strada
Strumento: Misuratore di Velocità AUTOVELOX 106 matricola 945930/946434
OmologazioneDecreto Ministero delle Infrastrutture e Trasporti nr. 3758 d.d. 06.08.2014
Taratura: Certificato di Taratura LAT 101 A596_2020_ACCR_VX  emesso in data 14/05/2020 dalla Ditta TESI s.r.l. con sede in Zona Industriale Castelnuovo n.242/B- Subbiaco (AR) abilitata c/o Accredia.
Conformità: Dichiarazione di conformità nr. 110/2020 del 21/05/2020 emessa da Sodi Scientifica srl, Via Poliziano 20 - CALENZANO (FI)

MODALITA' DI PAGAMENTO DEI VERBALI CODICE DELLA STRADA

QUANDO UN VERBALE SI INTENDE NOTIFICATO
1) il verbale è notificato quando viene immediatamente contestato dagli agenti su strada;
2) il verbale è notificato quando è consegnato dal postino o dal messo comunale presso l’indirizzo di residenza nelle mani del destinatario o di altro soggetto convivente;
3) Nel caso di momentanea assenza del destinatario o di altro soggetto  il verbale è notificato PRESSO L’UFFICIO POSTALE
ISTRUZIONI PER CALCOLARE CORRETTAMENTE LA DECORRENZA PER I TERMINI DI PAGAMENTO O PER LA PRESENTAZIONE DEL RICORSO QUANDO ILVERBALE VIENE RITIRATO PRESSO L’UFFICIO POSTALE:
1) SE VIENE RITIRATO ENTRO IL 10° GIORNO DALLA DATA DI DEPOSITO ALL’UFFICIO POSTALE, SI CONSIDERA NOTIFICATO IL GIORNO DEL RITIRO;
2) SE VIENE RITIRATO OLTRE IL 10° GIORNO DALLA DATA DI DEPOSITO PRESSO L’UFFICIO POSTALE , SI CONSIDERA NOTIFICATO IL 10° GIORNO.

QUANTO PAGARE
Nel verbale notificato o contestato sono indicati e differenti importi stabiliti sulla base della data di notifica

QUANDO PAGARE
In caso di contestazione o notificazione di un verbale di accertamento di violazione, il pagamento della sanzioni nella misura del minimo edittale va effettuato entro il termine di 60 giorni dalla notificazione o contestazione della stessa (dal momento in cui il destinatario riceve il verbale). A partire dal 61° giorno la sanzione da pagare non sarà più il minimo ma la metà del massimo (si raddoppia).

RIDUZIONE DEL 30% SOLO ENTRO 5 GIORNI DALLA NOTIFICA DEL VERBALE
Solo ed esclusivamente quando è previsto sul verbale, e questo dipende dal tipo di violazione commessa, è ammessa una riduzione del 30% sull’importo da pagare entro 60 giorni, LA RIDUZIONE DEL 30 % E’ POSSIBILE SOLO ED ESCLUSIVAMENTE SE IL PAGAMENTO E’ ESEGUITO TASSATIVAMENTE ENTRO il 5° GIORNO DALLA NOTIFICAZIONE O CONTESTAZIONE DELLA VIOLAZIONE (NON si escludono dal conteggio il sabato e la domenica).      SOLO ED ESCLUSIVAMENTE QUALORA IL 5° GIORNO COINCIDA CON LA DOMENICA O ALTRO FESTIVO (il sabato non è festivo), IL PAGAMENTO E’ AMMESSO IL 6° GIORNO.
 IL PAGAMENTO ESEGUITO ANCHE CON 1 GIORNO DI RITARDO E’ CONSIDERATO INFERIORE AL DOVUTO E VA INTEGRATO ENTRO IL 60° GIORNO DALLA NOTIFICAZIONE. NEL CASO IN CUI IL PAGAMENTO NON VENGA INTEGRATO ENTRO 60 GIORNI DALLA NOTIFICAZIONE  SARA’ EMESSA INGIUNZIONE FISCALE PER LA RISCOSSIONE PARI ALLA  META’ DEL MASSIMO DETRATTA LA SOMMA VERSATA CHE SARA’ TENUTA COME ACCONTO.

SPETTA ALL’UTENTE VERIFICARE SE IL PROPRIO PAGAMENTO E’ CORRETTO ED ESEGUITO NEI TERMINI.

COME PAGARE

www.trentinoriscossionispa.it

I sistemi di pagamento per le sanzioni amministrative sono i seguenti:

1) Bollettino FRECCIA

2) Circuito SISAL: Si tratta di un sistema che, tramite la lettura di un codice a barre, permette il pagamento delle sanzioni amministrative. DOVE: tutte le ricevitorie convenzionate Sisal (Superenalotto). QUANTO COSTA: il servizio è soggetto ad una commissione pari ad € 1,55.

3) Sportelli Bancomat abilitati ATM Web: Si tratta di un sistema che permette il pagamento delle sanzioni amministrative presso gli sportelli delle Casse Rurali Trentine abilitate ai servizi “ATMWeb”. QUANTO COSTA: il servizio è soggetto ad una commissione pari ad € 1,50.

4) Bonifico bancario internazionale: È previsto esclusivamente per le transazioni provenienti dall’estero.

MODALITA' DI RICORSO
In caso di contestazione o notificazione di un verbale di accertamento di violazione, è possibile presentare ricorso entro 30 grioni dalla notifica al Giudice di Pace di Borgo Valsugana o in alternativa entro 60 giorni dalla notifica al Commissario del Governo per la Provincia di Trento.

Se il verbale d’accertamento (c.d. preavviso) è rinvenuto sul parabrezza del veicolo, non si è ancora in presenza di atto perfezionato. Pertanto, occorre attendere la notificazione del verbale nei confronti del proprietario che deve avvenire entro 90 giorni dalla data di accertamento, così come modificato dalla Legge 120/2010 (art. 201 del C.d:S.).

In alternativa, il proprietario che intende presentare ricorso immediatamente può presentarsi presso uno degli sportelli preposti dove, contestualmente alla presentazione del ricorso, sarà anche notificato l’atto.

RICORSO AL GIUDICE DI PACE

RICORSO AL COMMISSARIO DEL GOVERNO


RICORSO AL GIUDICE DI PACE

Il ricorso al Giudice di Pace si presenta direttamente all'Ufficio del Giudice di Pace, competente per territorio, a Borgo Valsugana (TN) Via IV Novembre nr. 1 (orario cancelleria: 8.30 – 13.00 dal lunedì al sabato) oppure inviando il ricorso a mezzo raccomandata con ricevuta di ritorno - in tal caso fa fede la data di spedizione - allo stesso indirizzo, entro 30 giorni dalla data di contestazione della violazione o notifica del verbale. Assieme al ricorso è necessario allegare la ricevuta del pagamento del contributo unificato previsto per ricorsi al Giudice di Pace secondo l'allegata tabella: Contributo unificato

Giudice di Pace di Borgo Valsugana

Per il ricorso si può utilizzare il modulo che trovate qui di seguito allegato.

Nel ricorso dovranno essere indicati i dati anagrafici, il codice fiscale, l’eventuale domicilio (se diverso dalla residenza) presso il quale sarà notificato il decreto con cui il Giudice di Pace fissa l’udienza di comparizione e un numero di telefono per eventuali comunicazioni urgenti della cancelleria; consigliata l’indicazione di un indirizzo email. Se è nominato un procuratore, le notificazioni e le comunicazioni nel corso del procedimento sono effettuate nei suoi confronti.
Nel caso in cui il ricorso non contenga la dichiarazione di residenza o la elezione di domicilio, ovvero l’indicazione del procuratore, le notificazioni al ricorrente vengono eseguite mediante deposito in cancelleria.
E' importante allegare al ricorso l'atto impugnato, cioè il verbale, in originale, e tutti i documenti, anche in copia, utili per sostenere le proprie ragioni.
Occorre poi indicare, anche sinteticamente, ma in modo chiaro, i motivi di opposizione, cioè le doglianze avverso il verbale perché ritenuto illegittimo oppure le ragioni di fatto o motivazioni che hanno condotto a commettere la violazione e che possono essere ritenute utili dal Giudice al fine dell'accoglimento del ricorso.

E' possibile chiedere al Giudice l'assunzione di prove per sostenere i motivi di opposizione.
Deve poi essere formulata la richiesta, a conclusione del ricorso, di annullamento del provvedimento opposto e, in subordine, cioè nel caso il ricorso venga respinto, la determinazione della sanzione al minimo edittale. Può inoltre essere richiesta la sospensione dell’esecuzione del provvedimento che il Giudice può disporre, per gravi e documentati motivi, nella prima udienza di comparizione.

Il ricorso va firmato obbligatoriamente da parte del destinatario della sanzione, cioè chi è indicato sul provvedimento opposto, a pena di irricevibilità dello stesso.
Se alla prima udienza l'opponente o il suo procuratore non si presentano senza addurre alcun legittimo impedimento, il Giudice di Pace convalida il provvedimento opposto, ponendo a carico dell'opponente anche le spese successive all'opposizione.
La modulistica per la redazione dell'atto di opposizione è a disposizione dei ricorrenti anche presso l'Ufficio del Giudice di Pace.

 modulo ricorso al Giudice di Pace


RICORSO AL COMMISSARIO DEL GOVERNO

Si può presentare ricorso entro 60 giorni dalla contestazione o notificazione del verbale ai sensi art. 201 C.d.S.

Lo scritto difensivo può essere redatto in carta semplice o utilizzando l’apposito modulo qui allegato e deve essere indirizzato al Commissario del Governo per la Provincia di Trento e inviato con raccomandata R.R. all'indirizzo di Via Piave nr. 1 38100 TRENTO oppure al Corpo Polizia Locale della Valsugana e Tesino Piazza Degasperi 19 - 38051 Borgo Valsugana (TN), che ne curerà l'inoltre al Commissariato.

Allo scritto si può allegare tutta la documentazione che il ricorrente ritenga utile per supportare le sue motivazioni (per es. copie permessi, copie certificati medici, dichiarazioni datore lavoro, copie documenti veicolo, ecc.). Ricordare sempre che si deve sottoscrivere il ricorso.

Occorre indicare chiaramente il numero e la data del verbale che s’intende impugnare. Se si ritiene necessario si può richiedere audizione personale al Commissario del Governo

Se il Prefetto non accoglie il mio ricorso quanto dovrò pagare? In caso di mancato accoglimento del ricorso il Prefetto ingiunge il pagamento della sanzione in misura doppia rispetto a quella indicata a verbale (c.d. minimo edittale). Le modalità di pagamento sono indicate sul provvedimento del Prefetto. In caso di mancato pagamento sarà avviata la procedura coattiva prevista dalla legge.

modulo ricorso al Commissario del Governo di Trento

 


VIOLAZIONI A LEGGI, REGOLAMENTI E ORDINANZE

Per le violazioni a Leggi, Regolamenti e Ordinanze diverse dal Codice della Strada si applicano le modalità di accertamento, contestazione, notificazione e ricorso previste dalla Legge 24 novembre 1981, nr. 689.

modulo ricorso all'autorità competente avverso sanzione amministrativa

modulo ricorso al giudice di pace avverso ordinanza ingiunzione


TRATTAMENTI FITOSANITARI IN AGRICOLTURA

Come si fanno, le distanza dai luoghi sensibili e sanzioni previste

Si pubblica in allegato il rapporto annuale sull'attività della Polizia Locale nell'anno 2016.

CORPO DI POLIZIA LOCALE DELLA VALSUGANA E TESINO

Gestione associata di Polizia Locale tra i Comuni di Bieno, Borgo Valsugana, Carzano, Castel-Ivano, Castello Tesino, Grigno, Novaledo, Ospedaletto, Pieve Tesino, Roncegno Terme, Samone, Scurelle, Telve, Terve di Sopra, Torcegno 

Piazza Degasperi, 19 - 38051 Borgo Valsugana (TN)

telefono  0461 757312    Fax 0461 756820

Indirizzo di posta elettronica: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PEC:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (accetta solamente messaggi PEC, non accetta messaggi di posta elettronica ordinaria)

Gli agenti del Corpo di Polizia Locale svolgono il proprio servizio dal lunedì alla domenica generalmente con il seguente orario ore 07.00 alle ore 13.00 e dalle ore 13.30 alle ore 19.30

accesso agli uffici

Comune di Borgo Valsugana

Piazza Degasperi, 20 38051 Borgo Valsugana (TN)

primo piano della sede municipale

In questo periodo si riceve soltanto previo appuntamento al nr. 0461 757312

 Organigramma con numeri telefonici ed e-mail

  Orari di apertura uffici

Giorno

Mattino

Pomeriggio

Lunedì

08.30 - 12.30

15.00 - 17.00

Martedì

08.30 - 12.30

-

Mercoledì

08.30 - 12.30

-

Giovedì

08.30 - 12.30

15.00 - 17.00

Venerdì

08.30 - 12.30

-

 

ACCESSO ALLA PAGINA DEL CORPO DI POLIZIA LOCALE

 

 

 

 

Elenco aggiornato dei Comuni convenzionati al servizio di Polizia Locale con ente capofila il Comune di Borgo Valsugana

  • Comune di Bieno
  • Comune di Borgo Valsugana
  • Comune di Carzano
  • Comune di Castel Ivano
  • Comune di Castello Tesino
  • Comune di Grigno
  • Comune di Novaledo
  • Comune di Ospedaletto
  • Comune di Pieve Tesino
  • Comune di Roncegno Terme
  • Comune di Samone
  • Comune di Scurelle
  • Comune di Telve
  • Comune di Telve di Sopra
  • Comune di Torcegno

Da questa pagina è possibile scaricare tutta la modulistica messa a disposizione dal Corpo di Polizia Locale del Comune di Borgo Valsugana in gestione associata, per informazioni e chiarimenti contattare:

Orari e Contatti Servizio Polizia Locale

La modulistica è disponibile a questo link

Sottocategorie